Tasse

Tasse

 

Rispetto a 10 anni fa i contribuenti italiani lavorano 17 giorni in più per pagare le imposte, le tasse ed i contributi. La causa di questo allungamento dei giorni lavorativi necessari per assolvere gli obblighi fiscali e contributivi , segnala la CGIA, è riconducibile al progressivo incremento della tassazione avvenuto in questi ultimi 10 anni. Infatti, se nel 2002 la pressione fiscale era pari al 40,5%, quest’anno si attesterà al 45,1%.

In virtù di questa impennata, i contribuenti italiani hanno subito un forte aumento dei giorni lavorativi necessari per soddisfare le richieste del fisco. Se 10 anni fa occorrevano 148 giorni per raggiungere il giorno di liberazione fiscale, secondo un’elaborazione dell’Ufficio Studi della CGIA di Mestre realizzata in collaborazione con il Corriere Economia emerge che nel 2013 per pagare le imposte, le tasse e i contributi lavoreremo fino al 21 giugno.

Un giorno in più rispetto all’anno scorso (172 giorni contro 171). E così solo dal 22 giugno tutti i soldi guadagnati serviranno per le proprie necessità personali e familiari. Continua, inesorabilmente l’aumento della pressione tributaria che per un quadro, con redditi di 47.925 euro arriva al 47,2%, pericolosamente vicina alla soglia del 50%.

 

Ecco perché Ormai, nel Nordest, il fenomeno dei tour di imprenditori che si recano in Carinzia per studiare “l’habitat” in previsione di un possibile trasferimento oltreconfine delle proprie attività esiste da tempo ed è consolidato. I media sembrano accorgersene solo quando esce il caso di qualcuno che davvero prende e se ne va, ma per chi abita e produce da quelle parti, questa migrazione non è più una novità.

Ma che cosa offre, nel concreto, quella regione austriaca in termini di agevolazione al business, tanto da far ingolosire i tartassati imprenditori nordestini

Tassazione per gli utili aziendali 
Unica imposta sugli utili del 25%; non esiste l’IRAP, non esiste nessun’altra tassazione occulta, non esistono gli studi di settore. In Austria si possono dedurre ancora tutte le spese legate all’attività aziendale al 100% (carburante, telefonia, ecc), eccetto il costo di acquisto di automezzi (l’indeducibilità è parziale ed è solo per la parte che eccede il valore di acquisto di 40mila euro) e le spese di rappresentanza (nella misura del 50% al netto dell’IVA.

IVA 
Se ci si avvale della rappresentanza di un commercialista, la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione IVA devono essere presentate entro un anno e quattro mesi. Le liquidazioni periodiche IVA devono avvenire entro il 15 del secondo mese successivo al periodo cui si riferiscono. Entro tale termine deve essere versata anche l’imposta. Rimborso dell’IVA a credito, qualora ci fosse: entro massimo sei settimane dopo il mese di riferimento viene versata l’IVA a credito sul conto aziendale.

Salario
Livello equivalente a quello italiano ma, per via della tassazione più bassa, ai dipendenti resta più in netto in busta paga.

Tempi della burocrazia
Sarà pure Austria Felix, ma la burocrazia esiste anche là, anche se, rispetto all’Italia, è quasi inesistente. Per avere il permesso di costruzione di un capannone bisogna aspettare 10 giorni, anche se dipende dalla qualità della documentazione richiesta. Per avere l’autorizzazione all’utilizzo degli impianti, quindi per poter iniziare a produrre, servono al massimo 80 giorni. Di solito si avviano due processi paralleli: la richiesta del permesso della costruzione e l’autorizzazione dell’impianto. La costituzione di una società tipo la Srl (in Austria GmbH) dura 2 settimane. Il costo per la costituzione di una Srl ammonta a circa 3mila euro compreso avvocato, notaio, commercialista. Il capitale sociale da versare è di 35mila euro e, al momento della costituzione, basta anche il versamento della metà. Non c’è un periodo limitato entro il quale deve essere versata la seconda metà del capitale sociale. Si può costituire una società con un unico socio, che potrebbe essere italiano e avere la residenza in Italia.

Diritto del lavoro
Anche se i sindacati storceranno il naso, in Carinzia si consente il licenziamento del dipendente senza giusta causa: posto che siano stati stabiliti contrattualmente dei termini di preavviso più favorevoli al datore di lavoro, di norma questo non è tenuto a dare giustificazione del licenziamento, salvo eccezioni in caso di dipendenti considerabili socialmente da tutelare (per esempio dipendenti anziani, madri con figli a carico ecc.). Non è possibile obbligare il dipendente al consumo delle ferie non pagate. I termini di preavviso si allungano al maturare di anni di servizio.

Cambiare anche in Italia è possibile anzi è Necessario!!!

 

Fonte. CGIA , Corriere Economia, infoiva